Bob Marley

Pausa sigaretta 3 Dicembre 2012 – Pubblicato in: interferenze

  In una memorabile lezione sull’indugio narrativo, Umberto Eco affermava (confessando una lunga e attenta osservazione sul campo) che la caratteristica fondante del genere pornografico sia il “raccontare tutto”, comprese le parti meno rilevanti. Non sempre l’indugio è indice di nobiltà. Una volta mi sono posto il problema di come stabilire scientificamente se un film sia pornografico o meno. […] io ho deciso che esiste una regola infallibile. Si deve controllare se in un film,…

Continua a leggere

Il lato magico di una fotografia 26 Novembre 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

Londra. Uno Spitfire vola di qua e di là all’interno di un appartamento evitando una grottesca bambola gigante e disobbediente, mentre Tilda Swinton, in guanti di pelle, ci scruta da dietro un paio di occhiali da aviatore. Una coppia distinta di insetti si appresta ad accordare i suoi strumenti musicali e un’enorme lumaca li spia strisciando con aria sinistra sui muri.   Story Teller, la retrospettiva dedicata a TimWalker e allestita nelle stanze della Somerset…

Continua a leggere

Stop the violence 22 Novembre 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

La violenza è guerra e la guerra è distruzione. Il progetto sempre attuale “Stop the Violence” di François Robert affronta in modo spettacolare il delicato tema di quel che resta di un uomo, quando la guerra ne distrugge la mente ed il fisico, lasciando i resti di uno scheletro umano, architettura di un corpo che non c’è più. Armi, simboli religiosi, numeri evocativi di guerre passate compongono immagini di grande effetto ed impatto visivo: il…

Continua a leggere

L’ambiguità di un istante 14 Novembre 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

La nostra quotidianità, il più delle volte, si consuma nel sopportare silenziose solitudini che si protraggono per lunghi periodi senza la possibilità di essere risolte. Il meglio che possiamo fare, ci ripetiamo, è di andare avanti nel tentativo di muoverci come equilibristi sul filo di situazioni che sembrano sempre in procinto di esplodere. Con cautela, giorno dopo giorno, disinneschiamo la realtà, nascondendo i conflitti interiori, perché tutto possa continuare indisturbato così com’è. Almeno, fino al…

Continua a leggere

Il senso dell’imperfezione 5 Novembre 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

A Louis Kahn (1901-1974), considerato dagli storici uno degli architetti più influenti del XX secolo, il NAI di Rotterdam dedica una retrospettiva tanto importante quanto ribelle: una riflessione significativa sull’opera controversa di un grande Maestro e un invito a risollevarsi dall’attuale confusione e superficialità d’intenti, per ritrovare il senso profondo del fare Architettura.   Forse in pochi se ne rendono conto, ma esiste un preciso istante in cui ogni essere umano inizia a pensare come…

Continua a leggere

Kromapaint 26 Ottobre 2012 – Pubblicato in: haiku

Spray, graffiti, elettronica e video. Rulli di un colore verde brillante dipingono immagini luminosi dando vita a performance inaspettate. Bruno Levy e Blake Shaw sono artisti multimediali, artisti di strada e fondatori del collettivo SWEATSHOPPE. Le loro interazioni con “i muri” sono rigorosamente live. Graffiti elettronici e live painting: ecco la miscela spettacolare della pittura murale del collettivo Sweatshoppe. Un rullo dipinge superfici senza applicare nessuna vernice: l’illusione ottica sviluppata dal duo Levy + Shaw utilizza la…

Continua a leggere

Movie posters dal design intuitivo 12 Ottobre 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

Cosa succede quando l’immaginario cinematografico si intreccia con un design minimale, fatto di simboli universalmente condivisi?   Pellicole e locandine cinematografiche sembrano costituire da sempre un fertile terreno d’ispirazione per molti graphic designers. Se poi alla passione per il cinema si aggiunge la sperimentazione di nuovi linguaggi simbolici dall’impatto visuale immediato, questo tipo di ricerca assume risvolti molto pratici e consente di esprimere idee e concetti comprensibili da individui appartenenti a Paesi e culture totalmente…

Continua a leggere

Architettura, anomalie e percezione dinamica 3 Ottobre 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

Il Makuhari Housing (1996, Chiba) è un complesso a destinazione residenziale costruito sulle rive della Tokio Bay. La trasformazione in termini architettonici di una suggestione letteraria è la strategia usata da Steven Holl per tradurre la percezione degli spazi in “viaggio interiore”, all’interno di un tessuto altrimenti anonimo ed eterogeneo.    Un incontro poetico tra percezione dinamica degli spazi architettonici e antiche tracce della cultura nipponica. Il progetto Makuhari Housing rappresenta un intervento formalmente atipico…

Continua a leggere

Il terzo fattore 26 Settembre 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

Tra le molte cose che dovremmo invidiare a un computer, c’è forse quella maniera manichea di ragionare, a 0/1, spento/acceso. Assomiglia in questo a noi da giovani, quando non prendevamo sul serio una via di mezzo tra il giusto e lo sbagliato, lo faccio o non lo faccio, lei o l’altra, il giorno e la notte. Nessun indugio. Poi con gli anni e l’accumulo dei dubbi certi spigoli si limano e le foto perdono via…

Continua a leggere

Arte e geometria 19 Settembre 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

Regole matematiche che prendono forma e assumono fattezze animali. Geometrie che organizzano lo spazio e danno vita a insetti, mammiferi o personaggi dei film d’animazione. La carta come supporto per dar forma alle proprie idee attraverso le tecniche di piegatura dell’antica tradizione giapponese.   Quelli che a prima vista potrebbero essere scambiati per veri insetti, vere foglie e veri animali in realtà non sono altro che le creazioni origami del trentunenne americano Brian Chan, docente…

Continua a leggere

Un mondo imperfetto 14 Settembre 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

Avidità e debolezze umane, viaggi rischiosi, imprevedibili marchingegni e un misterioso ma inquinato universo, che a tratti ci appare estremamente familiare: sono questi gli irresistibili ingredienti di Bendito Machine IV – Fuel the machine, l’ultimo episodio di una serie di cortometraggi dalla grafica minimale e attraente, firmato Zumbakamera.   Jossie Malis è un interessante illustratore e film maker di origini sudamericane, con un innegabile talento per lo storytelling dallo speziatissimo sapore etnico. Cresciuto in Perù…

Continua a leggere

RE-Design 10 Settembre 2012 – Pubblicato in: haiku

Quando possiamo considerare inutile e inutilizzabile un pezzo di legno? L’eco-design di Lars Beller Fjetland non pone limiti al ri-uso e traduce in realtà il concetto affascinante di trasformazione continua, nell’ottica di una nuova vita dei materiali considerati ormai scarti. Una sedia buttata, una gamba di un tavolo scartata: ecco i nidi da cui nascono gli uccelli Re-turned. Partendo da elementi di legno già torniti in precedenza per altri utilizzi, l’originale designer scandinavo Lars Beller ha…

Continua a leggere

Tutto in una notte 3 Settembre 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

Non esiste grande o piccolo, ma solo denso o meno denso. Dipende da quanto riesci a farci stare, o meglio: se riesci a farci stare tutto. E questo vale per il cosmo, per il mio monolocale (che comunque è piccolo), per  i pensieri, per le inquadrature, per i post di un blog, per gli elenchi. Vale per il tempo e per lo spazio. Ad alcuni di noi non basta la vita a farci stare tutto,…

Continua a leggere

The Power of X 25 Agosto 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

Ispirato all’antica arte islamica dell’arabesco, The Power of X è un incredibile caleidoscopio umano multicolore, dagli ipnotici giochi di simmetria. In un perfetto connubio tra ingegneria, matematica e danza, sinuosi corpi in movimento raccontano il potere magico insito nella moltiplicazione delle idee.   Gli antichi arabeschi islamici consistevano di patterns lineari ritmicamente intrecciati tra loro e basati su semplici forme geometriche ispirate al mondo naturale. Immaginate di poter moltiplicare schemi geometrici dalle accese cromie ispirati…

Continua a leggere

Ruggine e colori 16 Agosto 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

  “In una cultura in cui la gente è facilmente attratta dal fascino degli status symbol, io trovo la bellezza nelle auto abbandonate e nei paesaggi trascurati. Mi ha sempre interessato dipingere veicoli e scenari che hanno definito l’evoluzione del paesaggio americano. Commemoro i veicoli commerciali inondati di graffiti e ruggine, veicoli da lavoro, e veicoli ricreativi vissuti. Trovo che ci sia così tanto carattere nei vecchi furgoni merci – specialmente quando coperti dai graffiti –…

Continua a leggere

Colori che sporcano le idee 10 Agosto 2012 – Pubblicato in: interferenze

Un progetto multiforme quello ideato per il concept album “Canzoni per un figlio”. I Marlene Kuntz intrecciano la loro creatività con le suggestioni oniriche di Marco Cazzato, sporcando pensieri e testi con colori enigmatici, lungo tre percorsi tra loro strettamente correlati. Le interferenze di Cazzato e Godano ci svelano qualcosa di più…   Verde, bianco e nero come forme di pensiero. Sono i toni scelti da Marco Cazzato a intersecare l’ intensa (e controversa) musicalità…

Continua a leggere

Plasmare l’effimero 5 Agosto 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

Membrane bianche e traslucide, perforate da una sequenza aritmica di aperture circolari e colorate simili alle ventose di un tentacolo. Lo Shooting Venue delle Olimpiadi 2012 di Londra è la realizzazione temporanea dal design intelligente ed eco-compatibile firmata Magma Architecture.   Uno dei problemi di fondo dei Giochi Olimpici, si sa, è quello della temporaneità delle infrastrutture richieste per ospitare gli eventi previsti dalla manifestazione. Alcune delle quali non sempre riutilizzabili in tempi successivi. Nel…

Continua a leggere

I rouleaux di Anastassia 1 Agosto 2012 – Pubblicato in: imperfezioni

Dall’edilizia ecosostenibile alla realizzazione di semplici manufatti, giochi per bambini o oggetti d’uso comune si sente sempre più spesso parlare di riutilizzo dei materiali di recupero per gli scopi più vari. Quello che normalmente viene considerato un oggetto  giunto alla fine del suo ciclo di vita, riacquista in questo modo una nuova dignità e un diverso scopo. Torna a “vivere”.   Negli ultimi anni molti artisti hanno cominciato ad appropriarsi di questi materiali per realizzare…

Continua a leggere
Privacy Policy Cookie Policy Termini e Condizioni